in ,

Ducato 4×4 Expedition 2017

Tempo di lettura: 3 minuti

Ducato 4x4 Expedition 2017Al Caravan Salon di Düsseldorf 2017 il marchio Fiat Professional presenta Ducato 4×4 Expedition 2017, basato sulla nuova versione 4×4 di Ducato, la risposta ideale per chi cerca la massima libertà, per chi ama fare turismo “di scoperta” o è alla ricerca di avventure non convenzionali.

Ducato 4×4 Expedition 2017 è stato allestito pensando a una clientela sensibile a uno stile di vita sportivo e avventuroso, ma che non rinuncia al meglio dei contenuti tecnologici.

La base dello Show vehicle Ducato 4×4 Expedition 2017 è un “all terrain” a trazione integrale che allarga le prospettive del viaggio in motorhome. La trazione integrale è di tipo permanente, con due scatole di rinvio ed un giunto viscoso centrale a funzionamento automatico. Il dispositivo assicura la giusta ripartizione della coppia motrice tra ruote anteriori e posteriori, ottimizzando la trazione su fango, neve e sabbia. La catena cinematica è disassata, così da non occupare troppo spazio sotto allo chassis e da non limitare la facilità di allestimento, da sempre una caratteristica chiave di Ducato camper. La nuova trazione 4×4 è inoltre integrata con i sistemi di sicurezza del Ducato, nello specifico con il controllo elettronico della stabilità ESC. In questo modo Ducato 4×4 garantisce una tenuta sicura del veicolo anche in caso di sfruttamento totale del carico, cosa molto comune in caso di utilizzo come camper.

Ducato 4x4 Expedition 2017La nuova gamma 4×4, che include tutte le varianti del Ducato (non solo furgoni, ma anche cabinati, in tutte le numerose varianti disponibili nella normale gamma 4×2) rappresenta perfettamente la capacità del Brand Fiat Professional di intuire, anticipare e soddisfare le nuove esigenze del mercato, che nasce da una competenza quasi secolare.
Il concetto di veicolo ricreazionale nacque, infatti, negli anni Venti del secolo scorso, quando l’automobile superò il suo status elitario per entrare in modo più diffuso nella collettività. In quello stesso periodo, qualche pioniere del turismo en plein air immaginò di poter vivere l’automobile non come un semplice mezzo di trasporto, ma anche come un mezzo poliedrico e ricreazionale.

Fiat era già presente e in grado di soddisfare quella nuova, ambiziosa necessità, disponendo già allora di una gamma di autovetture e veicoli commerciali leggeri che servirono da base per le prime avveniristiche trasformazioni. Il vero punto di svolta nella diffusione dei veicoli concepiti per il campeggio avvenne verso la fine degli anni Sessanta del secolo scorso: questo tipo di turismo entrò in voga tra le giovani generazioni, e il marchio Fiat rispose subito alle nascenti esigenze presentando, nel 1967, il 238, mezzo di cui quest’anno si celebra il cinquantesimo anniversario. Vantava una eccellente capacità di carico rispetto agli standard dell’epoca e, soprattutto, introduceva un’architettura “tutto avanti”, con motore e trazione anteriori, particolarmente adatta alla trasformazione camper in quanto lasciava ampio spazio dietro la cabina per il modulo abitativo.

Proprio su quel solco, e forte delle sue successive e sempre più affinate evoluzioni, fino al 4×4, il marchio Fiat Professional è in grado oggi di esprimere appieno il suo background intercettando le nuove opportunità di un mercato sempre più in crescita. Da sempre Fiat ha dimostrato un orientamento al cliente che con la generazione del Ducato del 2006 ha trovato la sua massima espressione: quel modello, infatti, è stato il primo a essere sviluppato tecnicamente partendo dalle esigenze di trasformazione in camper. Non un mezzo adattato, ma “naturalmente camper”, con la forza di una profonda esperienza. Ma l’approccio di Fiat Professional non si ferma ai prodotti. Le esigenze dei camperisti sono speciali, tenute in grande considerazione e supportate da una gamma di servizi che, di anno in anno, si arricchiscono in modo da essere sempre accanto a ogni cliente.
Al Salone sarà presente anche uno Show vehicle basato su Talento, che guarda al mondo del Motorsport. Si tratta di un allestimento “onroad” con sospensioni ribassate e particolari “racing”, nato per essere un veicolo da paddock, trasporto moto e zona riposo.

Scritto da admin

A Silverstone, Marc Marquez si ritira per problemi tecnici

Nuova 308 GTi by Peugeot Sport: dalla pista alla strada!