in ,

Vehicle to grid: Enel, Nissan e l’Istituto Italiano di Tecnologia uniscono le forze per la mobilità elettrica intelligente

Tempo di lettura: 4 minuti

nissan,nissan leaf,leaf,vehicle to grid,mov-eHa l’anima green un progetto innovativo quanto ambizioso, messo in atto e promosso dalla Nissan e dall’Enel grazie alla fattiva collaborazione dell’Istituto Nazionale di Tecnologia: il Vehicle to Grid punta al futuro della mobilità intelligente.

L’Istituto Nazionale Tecnologia ha una direzione ben precisa: esiste una terra di nessuno dell’energia, quando il consumo e il recupero dell’energia combaciano perfettamente, una sfera dove l’uomo produce e disperde la stessa medesima energia.

Questa bellissima realtà scientifica esiste in Italia da undici anni, nato nel 2006, oggi conta circa 1200 dipendenti, tra scienziati, ricercatori e operatori nel campo scientifico, circa la metà del personale viene dall’estero ed il 40% sono Donne.
Provengono da 58 paesi del mondo, l’ Istituto Nazionale Tecnologia attualmente vede impiegati 21 tipi differenti di scienziati, con un’eta media di 35 anni. Ogni 4 anni c’è un turnover naturale

Tante le realtà che attualmente svolgono le loro ricerche e le loro innovazioni presso l’Istituto Nazionale di Tecnologia, dal laboratorio Nikon, presente da oltre 5 anni, ai laboratori Moog (attuatori per robot), alla Novacart (packaging ), per finire alla IBM.
Negli ultimi anni l’Istituto ha generato 16 company

Vehicle to grid – Colonnine bidirezionali
Quando la macchina è ferma va collegata alla rete e quando è in movimento utilizza l’energia accumulata, una stabilizzazione, un perfetto punto zero.

Secondo l’attuale normativa vigente nel nostro paese, Vehicle to grid non è legale: le colonnine bidirezionali, il software di aggregazione di automobili, il regolatore di energia potrebbero produrre preziosi kW da utilizzare nella vita di tutti i giorni, se solo le auto fossero connesse tra loro ed alle colonnine bidirezionali.

Secondo una stima provvisoria, la bidirezionalità dell’energia produrrebbe circa 1500/1600 euro l’anno, da spendere in mobilità, ovvero in energia gratis: ogni volta che fermo l’auto, ricarico, cedendo energia in eccesso.

nissan,nissan leaf,leaf,vehicle to grid,mov-eBruno Mattucci, Amministratore delegato Nissan Italia:” E’ mio compito riportare l’attenzione nell’automotive. In un mondo che cambia sempre più velocemente, la scelta più rischiosa da fare, è rimanere fermi sulle proprie certezze, un principio questo, caro al patron di LikedIn, Reid Hoffman. In Nissan viene premiato chi mette in discussione lo status quo, si cerca nella nostra azienda non solo di far tesoro delle esperienze maturate, ma ci si chiede ogni giorno, un modo diverso di fare le cose. Osserviamo la realtà, anticipando le aspettative dei clienti. Negli ultimi anni, dall’economia, all’automotive, alle comunicazioni, sta avvenendo un vero e proprio cambiamento, la tecnologia modifica i rapporti sociali, modificando in maniera radicale il modo di fare le cose. Secondo recenti ricerche fatte dalla JFK, c’è meno ambizione, c’è meno sete di potere personale, c’è meno interesse alla propria sfera personale, lo status ha sempre meno valore dominante. Oggi si passa da una visione individualistica delle cose ad una più condividualistica. Nell’era della sharing economy, oggi sempre di più la condivisone è diventata il driver fondamentale di ciò che facciamo. La sostenibilità economica significa che quando penso ad un nuovo business, ad una nuova attività produttiva di ricchezza, non mi faccio più il problema se quella realtà risolve una problematica, ma la mia domanda è se la nuova realtà economica risolve altre problematiche economiche. Nell’economia circolare, non distruggo più risorse di quanto ne utilizzo. Nella smart economy esistono tanti modelli di business, impensabili tanti anni fa, per mancanza di una tecnologia che li potesse sostenere.Tutto si sta modificando, pensare che nell’automotive non ci possa essere una vera evoluzione della mobilità non porta a nessuna strada: osservando i trend di crescita di settori paralleli, si creano modelli nuovi e funzionali. Oggi l’80% dei dispositivi presenti sulle vetture di nuova concezione e supportati da una intelligenza artificiale, è sufficiente a dar vita alla guida autonoma. Molto dipende dalle normative più che dalla reale tecnologia.
E’ l’era della Smart Mobility , una mobilità fatta di sostenibilità, quindi il veicolo deve diventare ecosostenibile, condiviso e connesso, deve integrarsi con sistemi intelligenti, selezionando opportuni percorsi. Il mezzo inteso come auto, sta diventando qualcosa di profondamente diverso da quello conosciuto negli ultimi anni, in Nissan questo percorso è iniziato già da qualche anno fa, quindi siamo in grado di rendere concrete idee fattibili”

Il progetto Nissan Intelligent Mobility si basa su alcuni pilastri fondamentali: l’ Intelligent Power (utilizzo della potenza energetica in maniera intelligente, proficua), l’ Intelligent Driving (sviluppo di tecnologie che consentono l’ausilio alla guida) e l’ Intelligent Integration (attraverso alcuni partner, si verifica se la vettura può diventare parte integrante di una città intelligente in grado di dialogare con il mondo esterno).

nissan,nissan leaf,leaf,vehicle to grid,mov-eMov-e è il primo caso di car sharing aziendale con colonnine elettriche e veicoli totalmente elettrici: la mobilità condivisa, la smart economy, la sostenibilità economica danno vita ad un nuovo utilizzo dell’auto.
Il dipendente attraverso una app prenota la vettura all’interno dell’azienda per un proprio utilizzo personale, il tutto gratuitamente, perché l’energia viene ceduta ed utilizzata all’interno di un ciclo infinito.

I ricercatori dell’ Istituto Nazionale di Ricerche avranno a disposizione la possibilità di utilizzare due Nissan Leaf , in maniera totalmente automa e privata. Attualmente le colonnine presenti nell’Istituto sono unidirezionali, perché da parte di Nissan si vuole dar vita ad una provocazione, allo scopo di orientare la nostra classe politica verso una maggiore sensibilità alle energie alternative.
Enel è costretto a fare ricerche e sviluppo nel campo della mobilità elettrica in Inghilterra e Olanda a causa della mancanza di una precisa normativa nel nostro Paese.

Dalla Graphene alla Perovskite , sono tante e diverse le soluzioni tecnologiche che potremo vedere applicate sulle nostre automobili nei prossimi anni.
La concretezza parte da un processo base di formazione ed organizzazione di idee che diventano fattive attraverso studi di durata e fattibilità, è qui che l’ Istituto Nazionale di Tecnologia apporta la sua esperienza e intelligenza verso due realtà, Nissan ed Enel, entrambe leader, nel proprio segmento di mercato.

a cura di Marco Lasala
marco.lasala@reportmotori.it

Scritto da admin

Linee pulite e vintage quelle del finale HP Corse GP07 per Ducati Scrambler

Gli ingegneri Land Rover hanno creato un esemplare unico di ruota del timone