in

Coyote per moto

Tempo di lettura: 2 minuti

COYOTE motoSalvare preziosi punti sulla patente guidando in moto: è la filosofia del Coyote per moto.

La moto è una filosofia di vita e come tale ha i suoi riti e i suoi linguaggi validi in tutto il mondo. Dal saluto quando ci si incrocia su di un tornante, alla mutua assistenza in caso di bisogno. Questo il credo dei circa 3 milioni di centauri che ogni estate sfrecciano sulle strade di tutta Italia.

Le due ruote sono spesso sinonimo di velocità e poca sicurezza, ma fortunatamente la tecnologia ci corre in aiuto. Dopo la tuta con airbag integrati e il casco che permette al pilota di interagire con il passeggero, ora, grazie a COYOTE, è possibile comunicare ed avvertirsi di ogni eventuale pericolo o ingombro stradale da moto a moto.

Autovelox fissi e mobili, telecamere al semaforo, ZTL, Tutor e traffico non saranno più un problema anche in motocicletta. Il COYOTE è intuitivo e immediato da utilizzare, con un design accattivante e numerose funzionalità per la sicurezza alla guida.

Attraverso bluetooth puoi avvertire tutti i “coyoters” della presenza di qualsiasi ingombro stradale, e grazie alla Community più grande d’Europa, certificata e verificata, sarai sempre aggiornato su possibili ostacoli.

IL COYOTE è acquistabile nei migliori negozi di elettronica e automotive o sul sito www.mycoyote.net, a 169,99 euro, comprensivi di un mese di abbonamento. Una volta terminati questi 30 giorni, l’abbonamento Italia annuale costerà 99 euro, mentre quello Europa 144 euro; entrambi con un mese aggiuntivo gratis, al primo rinnovo.

Un buon investimento, assolutamente conveniente se si calcola che una multa per eccesso di velocità superiore ai 10 km/h rispetto al limite equivale ad un minimo di 168,00 euro; per non considerare la tranquillità che può conferire la presenza del dispositivo.

IL COYOTE è un ottimo compagno di viaggio per qualsiasi destinazione e tragitto, una tecnologia pensata per la sicurezza in sella alla propria moto.

Scritto da admin

WDW 2014

Innovate Mobility Challenge