in

Più sicurezza nei veicoli commerciali

Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione del Salone Internazionale dei Veicoli Commerciali IAA di Hannover, che si tiene dal 18 al 23 settembre, Iveco presenta nuove soluzioni possibili per la protezione degli occupanti di veicoli per il trasporto commerciale leggero e pesante.
Per ciascuno di questi prototipi sono stati realizzati dei sedili dotati degli speciali air bag D-air sviluppati da Dainese per la protezione attorno al corpo dell’uomo.
D-air è una tecnologia che proviene dal mondo delle maggiori competizioni motociclistiche, dove protegge campioni come Valentino Rossi, Nicky Hayden, Stefan Bradl e molti altri ed è frutto di più di 10 anni di attività di ricerca e sviluppo che ha permesso di applicare la tecnologia degli air bag al corpo dell’uomo, attorno al quale i sacchi D-air si attivano quando richiesto.
Iveco propone la tecnologia D-air in quanto più adatta alle necessità di sicurezza di un utente di un veicolo pesante, diverse rispetto a quelle dei veicoli di taglia più ridotta: le statistiche indicano il roll-over quale una delle principali dinamiche veicolari da tenere sotto controllo per migliorare la sicurezza passiva dei veicoli commerciali. A tal fine, l’obiettivo è quello di creare un ambiente protetto intorno agli occupanti, avere un guscio di sicurezza che tiene i pericoli al di fuori di esso. Proprio a questa sensazione di sicurezza si ispirano gli speciali sacchi D-air che circondano i sedili ed i loro occupanti in un abbraccio protettivo, quasi materno.
La nuova concezione di guscio di protezione intorno agli occupanti dei veicoli Iveco introduce un nuovo paradigma della protezione passiva ed una nuova modalità per migliorare la sicurezza del trasporto.
Il concetto si applica sia alla protezione degli occupanti dei veicoli pesanti (Stralis), sia alla protezione dei driver dei veicoli light ed a quella dei piccoli occupanti degli scuolabus.
D-air impiega speciali sacchi a struttura 3D brevettata ad alta pressione, per la massima protezione ed ergonomia, e generatori di gas a tecnologia “fredda”. Il sacco del D-air ha una struttura tridimensionale a espansione controllata, che, unitamente al gonfiaggio ad alta pressione, gli consente di assumere forme e volumi pensati per avvolgere e proteggere il corpo del pilota. Tutto ciò consente di ottenere il massimo assorbimento dell’ urto con minimo ingombro, cioè il migliore trade-off possibile tra sicurezza ed ergonomia.
D-air è già disponibile sul mercato motociclistico nelle versioni Racing dedicata all’impiego in pista e Street per l’utilizzo su strada.

Scritto da admin

Alfa Romeo: cinquant’anni di Giulia

Una giornata di test promettente per il Ducati Team a Misano