in

Piaggio X10

Tempo di lettura: 4 minuti

Linee accoglienti ed eleganti per un design moderno e classico al tempo stesso, che guarda al futuro ma conserva, evolvendolo, lo stile distintivo e autenticamente italiano della famiglia Piaggio. Il nuovo X10 si distingue per un look che sa essere originale pur mantenendosi armonico e dove l’estrema cura del dettaglio soddisfa l’occhio garantendo al tempo stesso il massimo della funzionalità. L’attenzione è catturata dal gruppo ottico anteriore che racchiude l’elemento poliellissoidale del faro abbagliante, le due parabole a superficie complessa degli anabbaglianti e gli indicatori di direzione e che, attraversando il frontale in tutta la larghezza, rende unico lo “sguardo” del nuovo Piaggio X10.
Al suo interno una cornice luminosa rappresenta, sublimandola, l’ormai celebre “cravatta” che da anni caratterizza la vista frontale dei modelli Piaggio: un tributo alla tradizione, ma in chiave moderna. Un effetto ottenuto ponendo dietro una superficie satinata led ad alta efficienza la cui luce, diffondendosi, genera un fascio continuo che funge anche da luce di posizione. Un altro dettaglio che lega X10 ai più recenti modelli della gamma Piaggio è l’inserto ad effetto metallico che percorre orizzontalmente l’intero veicolo, creando un piacevole contrasto con le parti in tinta della carrozzeria; un elemento di stile che s’inserisce nel motivo dominante “a onda” che imprime dinamicità alla vista laterale, dal parafango alla coda. Superfici morbide si alternano a segni più duri e decisi, generando un alternarsi di linee concave e convesse, fluide e filanti, che trasmette forza e dinamismo.
Il retrotreno si caratterizza per la coda tronca, di chiara ispirazione automobilistica, dove spiccano le due grandi maniglie, perfettamente raccordate alla linea della fiancata. Una scelta che ha il pregio di coniugare la funzionalità di una facile salita a bordo per passeggeri di tutte le taglie con la bellezza della vista posteriore, esaltata dalla presenza del grande pneumatico da 150/70 e del doppio gruppo ottico a sviluppo orizzontale ispirato anch’esso al mondo auto – due sottili linee di led protette da un vetro trasparente – e completata dalla modanatura satinata su cui è impressa la scritta Piaggio. Una volta a bordo del Piaggio X10, la vista è dominata dalla ricca e completa strumentazione: una sintesi di stile e tecnologia che ricorda per forme e contenuti la plancia di una granturismo di lusso. Tra i due ampi quadranti circolari del tachimetro e del contagiri – retroilluminati da una luce blu – trova posto lo schermo LCD da 4 pollici del computer di bordo, anch’esso illuminato in blu.
Sul display è possibile visualizzare una molteplicità di informazioni tra cui quelle relative ai consumi medio e istantaneo, alle velocità media e massima, autonomia, livello del carburante e temperatura del liquido di raffreddamento, e ancora tempo di percorrenza, orologio, temperatura ambiente con ice alarm, indicatore della doppia mappa della centralina motore, livello di regolazione elettrica del precarico ammortizzatore, odometro con due parziali e tensione batteria.
Una palpebra superiore racchiude le spie che segnalano il funzionamento di abbaglianti, indicatori di direzione, riserva, pressione olio, warning (injection), immobilizer, ABS, ASR, hazard, e inibizione avviamento. Novità assoluta nel mondo scooter sono i comandi sul manubrio retroilluminati, una soluzione che garantisce anche di notte un pronto ed efficace riconoscimento dei comandi sui blocchetti, a tutto vantaggio della sicurezza. A destra troviamo il pulsante di avviamento, quello per la selezione della mappa (sul 350), il comando di arresto motore e il tasto mode, per navigare tra le informazioni del computer di bordo.
A sinistra, invece, il pulsante dell’avvisatore acustico, quello degli indicatori di direzione e il comando abbagliante/anabbagliante/lampeggio. Il doppio pulsante up and down per la regolazione dell’ammortizzatore (per il 500) e i pulsanti dell’ASR e dell’hazard trovano invece posto nel controscudo, insieme ai comandi di apertura della sella e dello sportellino carburante, che collocato sul tunnel centrale consente un facile accesso senza dover scendere dal veicolo.

Tre motorizzazioni: una risposta per ogni esigenza di mobilità.
Elegante e accogliente, comodo e funzionale, ma anche sicuro, divertente e prestazionale, il nuovo Piaggio X10 è offerto in tre diverse motorizzazioni – 125, 350 e 500 cc – per soddisfare ogni tipo di utenza.
I più giovani e i possessori della sola patente B potranno scegliere la versione equipaggiata con il monocilindrico 125 a 4 tempi, 4 valvole, raffreddato a liquido e a iniezione elettronica: un’unità che raggiunge valori di potenza e coppia massima di assoluto riferimento per la categoria, che si traducono in accelerazioni e riprese pronte e regolari e in una grande fluidità di guida. Gli scooteristi più esperti e smaliziati – alla costante ricerca della più alta sintesi tra prestazioni, compattezza e consumi contenuti – si orienteranno invece verso il nuovissimo propulsore Piaggio 350.
Sin dalle prime fasi della progettazione di questo monocilindrico a quattro tempi, quattro valvole e iniezione elettronica di ultimissima generazione, gli ingegneri Piaggio hanno privilegiato soluzioni tecniche raffinate – come la distribuzione con bilancieri a rullo e pasticche calibrate per la regolazione del gioco valvole, il sistema di lubrificazione a carter secco e una frizione centrifuga multi-disco in bagno d’olio che lo pongono ai vertici della tecnologia nel campo delle motorizzazioni per scooter. L’insieme di queste soluzioni ha consentito di ottenere una potenza massima all’albero paragonabile a quella di un 400 cc (24,5 kW, 33,3 CV) e un ottimo valore coppia massima (32,3 Nm, 3,3 kgm) , mantenendo gli ingombri, il peso e i consumi di un 300 e con costi di manutenzione addirittura inferiori: gli interventi sono infatti programmati a intervalli di 20.000 km, con la sola sostituzione di olio e filtri ai 10.000 km. Su questo modernissimo motore è possibile scegliere tra due diverse mappature della centralina elettronica selezionabili direttamente dal manubrio che consentono di ottimizzare la gestione del motore e massimizzare le percorrenze. Agli amanti delle alte prestazioni è dedicata la motorizzazione 500.
Il propulsore Piaggio da 493 cc è infatti in grado di esprimere una potenza massima all’albero di  30 kW (41 CV) e una coppia massima di 46 Nm (4,7 kgm), valori che lo pongono ai vertici della sua categoria. Il sistema a doppia candela ha permesso inoltre di ottimizzare la combustione all’interno del cilindro, con una diminuzione della rumorosità e dell’emissione di gas inquinanti. Il risultato è un motore elastico e performante, pieno già ai bassi e ai medi regimi, ma che grazie all’impianto di iniezione “closed loop” dotato di sonda lambda allo scarico e catalizzatore a 3 vie riduce al minimo il livello di emissioni.

Scritto da admin

Toyota 4×4

Mercedes SL 63 AMG