in

Hayden quinto, Rossi dodicesimo

Tempo di lettura: 2 minuti

La Desmosedici GP12 domani sera debutterà nella prima gara stagionale scattando dalla seconda fila del GP del Qatar con Nicky Hayden che ha ottenuto il quinto miglior tempo nelle qualifiche notturne sulla pista di Losail.  Il suo compagno di squadra, Valentino Rossi, dopo tre turni di prove libere in crescendo, oggi ha invece avuto problemi di set-up che non gli hanno permesso di andare oltre la dodicesima posizione. Mentre Nicky Hayden si è trovato a suo agio con gli assetti scelti per la sua moto fin dall’inizio  del turno, anche con le gomme dure, ed ha girato con costanza su buoni tempi uscita dopo uscita, Valentino Rossi ha vissuto la situazione opposta e non è riuscito a ritrovare le stesse sensazioni che venerdì gli avevano permesso di girare su tempi migliori.

Nicky Hayden (Ducati Team) 5° tempo in 1’55.637 “Il nostro obiettivo per le qualifiche era una posizione da “top five” e sono contento di averla ottenuta. A dire il vero, quando ho iniziato a girare in 1’56.1 con la gomma dura, ho pensato che poi, con la morbida, avrei potuto fare anche meglio di così. In ogni caso, tutto considerato, possiamo essere soddisfatti di queste nostre prime qualifiche stagionali. Staremo a vedere se riusciremo a trasformarle in un buon risultato anche domani notte. La vita delle gomme sarà una variabile importante e dato che l’usura sarà notevole, dovremo riuscire ad ottimizzarne la resa. Oggi ho sofferto ancora  un po’ di sottosterzo e di “chattering”, soprattutto nel quarto settore della pista, ma sicuramente la GP12 è la Ducati più veloce di sempre con cui sto per fare una gara. Mi aspetto che sia dura ma non vedo l’ora che arrivi il momento in cui si spegnerà il semaforo. C’è ancora un “gap” notevole dai primi due ma cercherò di  partire bene e poi di lottare al massimo delle mie possibilità per rimanere lì. Speriamo di ripartire da qui con un risultato positivo”

Valentino Rossi (Ducati Team) 12° tempo in 1’56.813 “Ieri, anche se non in maniera eclatante, era andata decisamente meglio, soprattutto con gomme usate, quindi il mio obiettivo per oggi era la seconda fila. Invece siamo lontani perché i problemi che comunque avevamo, sono peggiorati. E’ strano perché abbiamo fatto solo piccole modifiche rispetto alle libere ma il feeling è stato completamente diverso. Alla fine siamo tornati verso la direzione di ieri e ho potuto essere un pochino più veloce ma non c’è stato modo di fare molto di più come risultato finale. A questo punto non sappiamo cosa aspettarci per la gara anche se ovviamente speriamo di fare meglio. Nicky ha fatto scelte di assetto diverse dalle nostre e ha girato bene, sia con le gomme dure sia con le morbide quindi analizzeremo anche i suoi dati per provare a progredire”.

Scritto da admin

Prosegue la crescita di Bradl

Per Stoner un warm up decisivo