in

Corsi e Pasini pronti per la trasferta extraeuropea

Una sola settimana di stop per il Campionato del Mondo MotoGP, che questo fine settimana si sposta negli Stati Uniti per il Gran Premio di Indianapolis, undicesimo appuntamento di questa stagione 2011. Una gara importante per IodaRacing, che si sposta oltreoceano per la seconda trasferta extraeuropea dopo la prima in Qatar ad inizio anno. Indianapolis è la capitale dell’Indiana e capoluogo della Contea di Marion: si tratta della terza città del midwest dopo Chicago e Detroit; con la sua popolazione di 791.926 residenti, è la città più popolata dello stato. L’Indianapolis Motor Speedway è uno dei circuiti automobilistici più famosi del mondo, e sicuramente il più celebre tra gli “ovali”. Costruito nel 1909 vi si corre la leggendaria “500 Miglia di Indianapolis”, che si disputa sul classico anello composto da quattro rettilinei (due lunghi e due corti) raccordati da 4 curve a 90°. Si trova precisamente in un sobborgo della capitale chiamato Speedway, organizzato come città autonoma.
Il tracciato è anche conosciuto come “The Racing Capital of the World”, ovvero la “Capitale del mondo delle corse”. Lungo 4216 metri, è caratterizzato da un totale di 16 curve, di cui 10 a sinistra e 6 a destra, con un rettilineo di 872 metri che rimane parte dell’originale circuito ovale.
Il progetto iniziale contemplava l’utilizzo di mattoncini per la realizzazione della pavimentazione del circuito; infatti ancora oggi la linea del traguardo conserva i mattoncini originali dell’epoca mentre ovviamente per motivi di sicurezza il resto dell’impianto è stato rivestito con più idoneo asfalto. Dal 2008 sul circuito di Indianapolis si corre il Motomondiale e, a differenza di Laguna Seca, il Gran Premio prevede la partecipazione di tutte e tre le classi del Motomondiale.
Simone Corsi #3 e Mattia Pasini #75, dopo il Gran Premio della Repubblica Ceca, hanno avuto a disposizione una settimana per prepararsi alla trasferta americana a cui seguirà, la settimana successiva la seconda gara italiana sul Circuito di Misano Adriatico.

Simone Corsi #3
“Dopo una settimana di pausa da Brno passiamo ad Indianapolis, dove si corre la famosa “500 miglia”. Questa è la seconda trasferta extraeuropea che affrontiamo quest’anno, dopo la prima ad inizio anno in Qatar. Si tratta di un tracciato particolare, che il Motomondiale percorre al contrario del “normale” senso di marcia. Sarà essenziale partire bene sin dalle prove libere del venerdì e proseguire sulla giusta strada. Sino ad ora abbiamo compiuto diversi passi in avanti, ed è importante continuare a dare il massimo. Nel 2009, quando correvo nella 125cc, sono salito sul terzo gradino del podio: sarebbe fantastico replicare il successo anche nella Moto2”.

Mattia Pasini #75
“Dopo la pausa estiva, con la gara di Brno sono riuscito a un buon lavoro sia su me stesso che sulla moto, grazie all’aiuto dei tecnici. Sono sempre più concentrato e in Repubblica Ceca ho dimostrato che con dedizione e determinazione posso arrivare in alto. Adesso questo fine settimana ci spostiamo negli Stati Uniti per l’appuntamento ad Indianapolis. Anche qui voglio impegnarmi al massimo e riuscire a fare bene”.

Marco Lasala
Ultimi post di Marco Lasala (vedi tutto)

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

La Bridgestone analizza il circuito di Indianapolis

Nikon Coolpix S1200pj