in

Decima posizione per Elias ad Assen

Tempo di lettura: 1 minuto

Assen, 25 Giugno: il pilota del Team LCR Honda MotoGP Toni Elias ha chiuso in 10° posizione i 26 giri del GP di Olanda sulla famosissima pista di Assen davanti a 92.150 tifosi. Come per il GP di Barcellona e quello di Silverstone anche il round Olandese si è svolto con il freddo (13° gradi soltanto) con Spies che conquista la sua prima vittoria davanti a Stoner e Dovizioso.   Nelle qualifiche difficili di ieri Elias non era riuscito a sfruttare al meglio le gomme morbide finendo solo 16° ma lo Spagnolo ancora una volta ha fatto un’ottima partenza dall’ultima fila nonostante il tracciato scivoloso che ha insidiato la gara della classe regina mantenendo il ritmo sino alla fine. Ora Elias e la sua squadra torneranno in pista in Italia sul tracciato del Mugello il prossimo 3 Luglio.

Elias: “beh… come ho detto molte volte finora questa non è la posizione che sognavo ma considerando i problemi di trazione e le condizioni dell’asfalto sono molto soddisfatto di questa gara. Sono partito bene anche oggi dall’ultima fila ed ho chiuso il primo giro al nono posto. Poi improvvisamente Abraham mi è caduto davanti e per poco non gli vado contro: lì ho perso qualche secondo. Se la gara fosse stata bagnata avrei potuto finire ancora meglio ma non posso lamentarmi ora. Di sicuro ci sono molte cose da sistemare sull’asciutto: non ci resta che aspettare e vedere che tempo farà al Mugello”

Marco Lasala

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

GT Open – La Ferrari sul podio di Spa

Un fantastico secondo posto per Alonso