in

Al Nurburgring una Volkswagen Jetta GLI camuffata

Tempo di lettura: < 1 minuto

Volkswagen Jetta GLI

Nel difficilissimo ed estremo circuito del Nurburgring, c’è un grande fermento delle case automobilistiche, che testano i loro futuri modelli, in condizioni difficilissimi, come la futura Volkswagen Jetta GLI .

L’inferno verde ha permesso al marchio Volkswagen di continuare nel suo programma di test per lo sviluppo della Jetta GLI, la versione sportiva che debutterà nel Febbraio del 2019 al Salone dell’Auto di Chicago.

Ricoperta integralmente da una pellicola mimetica, si intravede il suo corpo muscoloso con le pinze freno rosse, i cerchi da 18 e 19 pollici e le minigonne laterali con un kit di abbassamento assetto.

Anteriormente si nota il nuovo paraurti con prese d’aria maggiorate ed una griglia anteriore a nido d’ape ripercorsa da una sottile fascia rossa.

All’interno, i cambiamenti dovrebbero essere più limitati rispetto alla sorella Golf e consistono nei sedili sportivi, nel volante con fondo piatto, pedale freno ed acceleratore in lega con nuovi rivestimenti per cielo vettura e portiere.

Per quanto riguarda la meccanica, la Jetta GLI non è altro che una Golf GTI ristilizzata.

Aspettatevi un motore turbo a quattro cilindri da 2,0 litri da 220 CV, accoppiato a una trasmissione a doppia a sette marce, con differenziale a slittamento limitato.

La Jetta GLI avrà anche sospensioni posteriore multi-link al posto della configurazione standard.

Marco Lasala

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Lusso e sportività per la futura Audi Q4

Potenza e raffinatezza per la nuova GMC Sierra AT4 2019