in

Per Simoncelli un errore da caduta

Tempo di lettura: 2 minuti

Purtroppo anche ad Assen, per Marco Simoncelli, le ottime premesse della vigilia sono andate in fumo. L’errore di voler anticipare i tempi nell’inseguire Ben Spies lo ha portato a sbagliare alla prima curva a sinistra coinvolgendo anche Jorge Lorenzo nella caduta. Un errore che non ci voleva e che sicuramente era da evitare visto lo stato di forma dimostrato nelle prove del giovedì e venerdì. Un vero peccato ed ancora una gara da dimenticare per il pilota del Team San Carlo Honda Gresini. Alla fine è riuscito a terminare comunque la gara malgrado la sua RC212V avesse subito danni alquanto importanti, ma questa non è che una magra consolazione per “Super Sic”.

Marco Simoncelli (9°): “in questa gara non si può parlare assolutamente di sfortuna,  la verità è che sono stato un “patacca”, un ingenuo. Era la prima curva a sinistra l’asfalto era freddo ed anche se non mi è sembrato di aver spinto eccessivamente nel sorpasso su Lorenzo potevo comunque risparmiarmelo perché ero terzo e vicino ai due di testa. C’era tutto il tempo e quindi potevo aspettare. Mi dispiace di aver coinvolto nella caduta anche Lorenzo e non posso far altro che chiedergli scusa. L’unica, seppur magra, consolazione è quella che comunque sono riuscito a ripartire e pur col manubrio storto, senza pedana e la parte dietro della carena che penzolava sono riuscito a finire la gara e girare con buoni tempi. E’ un’altra amara esperienza che metto nel mio bagaglio e cercherò di farne tesoro senza perdere concentrazione e motivazioni.”

Fausto Gresini: “peccato, peccato, peccato perché non ci voleva. La  prima curva a sinistra è sempre pericolosa e di fatto è quello che è successo anche ad Estoril. E’ un peccato perché qui eravamo veramente a posto e nella condizione di fare il grande risultato. Forse bisognava aspettare due giri prima di attaccare, ma queste sono le gare e purtroppo noi rimandiamo ancora una volta l’appuntamento con il podio. Noi siamo dispiaciuti anche se il primo ad essere arrabbiato è Marco e per questo motivo gli siamo vicini e cercheremo insieme di uscire da questa situazione perchè le motivazioni non mancano affatto.”

Marco Lasala
Ultimi post di Marco Lasala (vedi tutto)

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Punti preziosi per Rossi in Olanda

Il sesto posto di Lorenzo ha un sapore di…