in

De Puniet alle spalle della top ten

Tempo di lettura: 2 minuti

Lo schieramento di partenza per la quarta tappa del Motomondiale a Le Mans è stato completato oggi pomeriggio. C’è molta amarezza all’interno del box Pramac Racing Team, con Randy De Puniet vittima di uno scivolone durante la prima parte delle qualifiche. Il francese, nonostante una forte botta subita alla spalla sinistra, è rimontato subito in sella alla sua Ducati riuscendo a chiudere la sessione all’undicesimo posto, a pochi millesimi di distanza da Nicky Hayden e Valentino Rossi, piloti del team ufficiale Ducati. Tanta delusione, invece, per il compagno di squadra, Loris Capirossi. Per l’italiano fino a questo momento il week end è tutto da dimenticare. Partirà dalla quinta e penultima fila, davanti a Karel Abraham e Tony Elias.

Randy De Puniet – Pilota Pramac Racing Team – 11° miglior tempo in 1’34.351

“Sto bene, nonostante lo scivolone di inizio qualifica. Riguardando le immagini penso che sono stato fortunato a tornare tutto intero ai box, potevo farmi seriamente male e invece ho solo un po’ di dolore alla spalla sinistra. Non ricordo molto della caduta, solo che la mia testa ha sbattuto sulla spalla. Alla fine il tempo non è da buttare, anche perché era impossibile fare meglio di così. Siamo appena dietro il Team ufficiale Ducati, questo vuol dire che ho dato tutto quello che avevo. Spero, in vista della gara di domani, di rientrare tra le prime dieci posizioni, sarebbe un buon risultato per i miei tifosi”.

Loris Capirossi – Pilota Pramac Racing Team – 15° miglior tempo 1’34.866
“Continuo a faticare molto. Oggi non riuscivo a trovare la trazione sull’uscita in curva e questo problema mi ha portato via qualche decimo di troppo. Domani dobbiamo riuscire a cambiare qualcosa. Oggi ci ho provato, alla fine siamo tutti molto vicini, a pochi decimi di distanza. Io purtroppo non riesco mai a sfruttare il giro. Devo mettercela tutta e sparare che vada tutto bene”.

Marco Lasala
Ultimi post di Marco Lasala (vedi tutto)

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

Qualifiche deludenti per Rossi

Ottima qualifica per Simoncelli