in

Stoner domina le fp3 del Qatar

Tempo di lettura: 2 minuti

Cambiano le sessioni, il risultato meno. Casey Stoner continua nella sua marcia trionfale verso la prima pole position stagionale. L’australiano del team Repsol Honda gira costantemente in 1’55 basso, chiudendo con un crono di 1’55.035 e dimostrando un miglioramento lieve, ma continuo. Alle sue spalle Dani Pedrosa si avvicina, (+0.158s), mentre Andrea Dovizioso completa una strepitosa tripletta con le ali.
L’italiano rimane abbastanza distante dal duo di testa (+0.705s), ma tutto lascia presagire che la prima fila di domani potrebbe contare su una tonalità unica. In quarta e quinta piazza Jorge Lorenzo e Ben Spies proveranno a limitare il dominio di Repsol, anche se 8 e 9 decimi rispettivamente non saranno facili da limare.
Hector Barberá si conferma in forma strepitosa e dopo il terzo posto di ieri, oggi è sesto con un settimo tempo assoluto nel computo delle tre prove fino ad ora registrate. Alle spalle del pilota Mapfre Aspar si piazza Colin Edwards (Monster Yamaha Tech3), mentre Valentino Rossi deve accontentarsi di un’ottava posizione a 1’2 secondi di distacco dalla vetta.
Randy De Puniet (Pramac Racing) e Loris Capirossi (Pramac Racing) completano la top ten di questa sessione nella quale non troviamo Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini), solo 13º e 11º nella classifica globale.
Unica caduta della giornata per Álvaro Bautista (Rizla Suzuki) costretto ad abbandonare la pista in barella. Lo spagnolo ha riportato la frattura del femore sinistro e sarà costretto a saltare la prima gara della stagione.

Fonte MotoGP.com – http://www.motogp.com
Foto MotoGP.com – http://www.motogp.com

Marco Lasala

Scritto da Marco Lasala

Credo di esser nato per comunicare la mia passione per i motori: i miei primi passi li ho mossi.. su di un kart!!! Mi sono laureato in Economia e Commercio (indirizzo Marketing), ma ho iniziato a fare il giornalista da quando avevo poco più di 20 anni, scrivendo per quotidiani nazionali e riviste estere. Oggi collaboro con diverse testate specializzate nell’universo automotive, provo auto e moto, descrivo le mie sensazioni di guida, cerco di emozionare i lettori. Sono un competitivo, amo salire sul gradino più alto del podio, sono convinto che il pericolo più grande sia frenare, piuttosto che affrontare una curva a gas aperto! Il mondo dei motori è in continua evoluzione, l’elettrificato macina chilometri, ma… nella mia mente la melodia di un V12 a 8.000 giri non svanirà mai!

R Series Cup 2011

Elias in difficoltà nelle fp2 del Qatar