Menu

Team Honda LCR: seconda sessione di test in Malesia

LCR-3I Team ed i piloti della classe regina sono nuovamente tornati a Sepang (Malesia) per il secondo turno di prove pre campionato a tre settimane di distanza dal primo test Malesiano del 2010. Come di consueto, caldo ed un alto livello di umidità hanno dato il benvenuto ai 16 piloti ufficiali che hanno trovato l’asfalto in ottime condizioni sfruttando al meglio le due giornate di prove. I test si sono conclusi oggi alle 18.00 ora locale e vedono Rossi al top della classifica con il miglior tempo di 2’00.271.
Gli ingegneri della HRC e i tecnici del Team LCR hanno nel frattempo sviluppato la messa a punto di base della RCV utilizzando i dati e le informazioni raccolte nella prima sessione di test di qualche settimana fa. Il pilota del Team LCR Honda MotoGP Randy de Puniet, che ha compiuto 29 anni nel break tra i due test, ha dato il massimo nonostante il caldo soffocante proseguendo assiduamente il suo lavoro si sviluppo della RC212V. Il Francese si è migliorato di 1.6s rispetto al primo test segnando il suo miglior tempo in 2’01.980 oggi al 4° giro su 58. Randy ha totalizzato una maratona di 134 giri nei due giorni e tornerà nuovamente in pista con i suoi tecnici il 18 e 19 Marzo in Qatar per l’ultima sessione di test prima del “calcio d’inizio” del campionato.

De Puniet: 11° – 2’01.980

De Puniet: “Se consideriamo i due giorni nell’insieme abbiamo fatto un passo in avanti sulla messa a punto delle sospensioni che è stata la nostra difficoltà maggiore nel primo test qui qualche settimana fa. Sostanzialmente abbiamo lavorato per sviluppare la messa a punto di base utilizzando i riferimenti della scorsa volta e sono abbastanza soddisfatto del lavoro globale e del tempo sul giro che ho segnato oggi. Poteva essere ancora più basso (forse mezzo secondo) visto che a fine giornata avevamo trovato un’ottima regolazione da provare ma purtroppo le gomme nuove erano finite. Abbiamo fatto anche una simulazione di gara e mi trovo più a mio agio ora grazie ai miglioramenti ottenuti nella distribuzione del peso e nel bilanciamento della moto. Di sicuro c’è ancora molto da perfezionare ma sono più fiducioso adesso in vista dei prossimi test in Qatar”. 

 

ReporTMotori TV

Newsletter