Perfectly Keyless Bosch: mai più hacker di automobili - ReportMotori.it

Consenso sui Cookie e Privacy

Menu

Perfectly Keyless Bosch: mai più hacker di automobili

Perfectly Keyless Bosch

La vita per gli hacker specializzati nell’accesso ai veicoli sta per subire un brusco stop, grazie all’app di chiave virtuale Bosch: Perfectly Keyless.

Con i sistemi di accesso keyless tradizionali, la chiave comunica con l’automobile utilizzando un segnale radio nelle gamme delle alte (UHF) e basse frequenze (LF).

Con Perfectly Keyless invece di trasmettere i dati sulle frequenze radio basse o alte, il sistema Bosch usa lo smartphone come chiave virtuale e il Bluetooth come tecnologia di trasmissione.

In altre parole, le chiavi dell’auto possono restare a casa. Inoltre, grazie a decenni di esperienza nel campo dei semiconduttori, Bosch rende questa connessione sicura come un’impronta digitale. Ogni smartphone contiene minuscoli microchip per gestire la comunicazione via Bluetooth, che svolgono un ruolo fondamentale nella soluzione offerta da Bosch. Insieme, i sensori installati nel veicolo e una speciale centralina elettronica, creano un sistema che apre la portiera solo in presenza dello smartphone contenente la chiave virtuale che, a sua volta, corrisponde alla serratura digitale del sistema Perfectly Keyless. Il sistema blocca i segnali di altri smartphone o dispositivi elettronici che manipolano la trasmissione radio. In questo modo Perfectly Keyless protegge dall’accesso non autorizzato.

Harald Kroger , Presidente della Divisione Bosch Automotive Electronics: “Il nostro sistema Perfectly Keyless rivoluziona i sistemi di accesso keyless. » la chiave per prevenire i furti digitali. Con Perfectly Keyless, Bosch brucia le tappe nello sviluppo dei sistemi di accesso digitale al veicolo. Il nostro motto è rivoluzione, non evoluzione”.

Invece di trasmettere i dati sulle frequenze radio basse o alte, il sistema Bosch usa lo smartphone come chiave virtuale e il Bluetooth come tecnologia di trasmissione.

In altre parole, le chiavi dell’auto possono restare a casa. Inoltre, grazie a decenni di esperienza nel campo dei semiconduttori, Bosch rende questa connessione sicura come un’impronta digitale. Ogni smartphone contiene minuscoli microchip per gestire la comunicazione via Bluetooth, che svolgono un ruolo fondamentale nella soluzione offerta da Bosch. Insieme, i sensori installati nel veicolo e una speciale centralina elettronica, creano un sistema che apre la portiera solo in presenza dello smartphone contenente la chiave virtuale che, a sua volta, corrisponde alla serratura digitale del sistema Perfectly Keyless. Il sistema blocca i segnali di altri smartphone o dispositivi elettronici che manipolano la trasmissione radio. In questo modo Perfectly Keyless protegge dall’accesso non autorizzato.

Le chiavi virtuali sono da tempo utilizzate dalle flotte per il car-sharing. I veicoli non partono fin quando il loro operatore ne autorizza l’accesso via cloud; solo a quel punto l’utente può aprire il veicolo, avviarlo e chiuderlo di nuovo tramite l’app. Questo scambio di informazioni tra il telefono e il veicolo si avvale della tecnologia NFC (near-field communication), un protocollo wireless per la condivisione di dati a distanza di pochi centimetri. Per avviare il veicolo, prima di ogni viaggio gli utenti devono posizionare lo smartphone in corrispondenza dell’area contrassegnata sul veicolo. Il sistema a quel punto riconosce l’utente e sblocca le porte.

Con Bosch Perfectly Keyless, lo smartphone si può anche tenere in tasca. Questa innovazione comporta una maggiore facilità e praticità di utilizzo per gli automobilisti e per gli utenti dei servizi di car-sharing. La soluzione Bosch è progettata anche per gli autocarri e per flotte intere di veicoli commerciali. Questo significa niente più gestione manuale delle chiavi, niente più passaggi di mano e problemi di chiavi perse o rubate. Se lo smartphone contenente l’app Perfectly Keyless viene smarrito o rubato, è possibile disattivare la chiave digitale online, bloccando così l’accesso al veicolo.

ReporTMotori TV

Newsletter

ReportMotori Magazine