Alfa Romeo Giulia Veloce Q4: anima sportiva ed integrale

alfa romeo giulia veloce q4Ha grinta da vendere, con una sinuosità ed un equilibrio dinamico che conquistano: la nuova Alfa Romeo Giulia , è un capolavoro di stile ed armonia, una quattro porte che all’occorrenza, trasmette una sportività facilmente domabile, ma sempre divertente.

Un’estetica che non lascia spazio ad alcun dubbio, la nuova Alfa Romeo Giulia è oggettivamente, una delle più belle berline mai prodotte in serie, perché abbina, uno stile chiaramente e marcatamente sportivo, ad un equilibrio dinamico tale, da farla sembrare un felino pronto a scattare.

Veloce ed integrale
La Giulia oggetto del nostro test drive è la Veloce Q4 , due sigle cha lasciano ampio spazio all’immaginazione, perché una volta al volante della vettura torinese, tutto torna, o quasi…
La trazione integrale Q4 by Alfa Romeo lavora all’occorrenza, nel senso che in condizioni di normale utilizzo, quando non c’è mancanza di aderenza o quando il guidatore non richiede la massima sportività alla propria vettura, la coppia è ripartita completamente al posteriore; nel caso in cui la centralina avverta una mancanza di aderenza, ecco intervenire il differenziale autobloccante, che ripartisce la coppia anche sull’assale anteriore, fino al 60%, con un enorme vantaggio per la sicurezza e stabilità di marcia.
Unitamente alla trazione Q4 , è presente sull’ Alfa Romeo Giulia Veloce da noi provata, un efficientissimo cambio automatico ad 8 rapporti, una trasmissione che ha pochi rivali, per via della sua estrema rapidità nel cambiare le marce e per la sua capacità di adattarsi ed assecondare, lo stile di guida del pilota.

Diesel o Benzina
La Giulia Veloce viene proposta con due motorizzazioni, un due litri turbo da 280 cavalli ed un 2,2 Diesel, da 210 cavalli e 470 Nm di coppia massima disponibili a partire dai 1.750 giri al minuto, quest’ultimo propulsore senza ombra di dubbio, si rivela più efficace ed idoneo non solo nella guida di tutti i giorni, ma anche per il mercato italiano, in quanto è essente da super bollo.
Più che buone le performance della Giulia Veloce 2.2D: i 100 km/h con partenza da fermo, vengono raggiunti in soli 6,8 secondi, mentre la velocità massima risulta essere 235 km/h.
Per il capitolo consumi, si parla di medie intorno ai 4,7 litri per 100 km, un valore che seppur non rilevato da noi di ReporTMotori.it , non si discosta molto dall’autonomia reale.

Prova su strada
E’ tempo di saggiare come si comporta la bellissima Alfa Romeo Giulia Veloce Q4 su strada.
Curiosi di capire come il motore da 2,1 litri e 210 cavalli riesca a trasmettere la grande quantità di coppia motrice disponibile, decidiamo di intraprendere un lungo test drive, completando un percorso di oltre 500 chilometri.
Gli interni sono realizzati con cura, la pelle che riveste sedili e parte della plancia, è di ottima fattura, così come risulta esser morbida e gradevole al tatto, il logo Alfa Romeo campeggia sui poggiatesta, le regolazioni elettriche presenti sull’esemplare da noi provato, consentono di trovare facilmente e con precisione millimetrica, la giusta posizione di guida.
Il volante raccoglie diversi comandi, dall’audio al cruise, mentre la strumentazione, riporta oltre ai classici quadranti del tachimetro e contachilometri, anche un utile display di bordo, unità che mostra numerose informazioni, anche vitali, della vettura.
Una volta in movimento si apprezza la silenziosità di marcia del 2,2 Diesel e soprattutto la tenuta di strada della Giulia Veloce : in pratica è sufficiente infilare l’anteriore, per poi pennellare curve con una stabilità disarmante. Fedelissima nella traiettoria impostata, la Giulia Veloce Q4 ha una stabilità da riferimento ed una naturale indole all’utilizzo sportivo, situazione dove la berlina torinese si trova a suo agio. Massima tenuta, cambio velocissimo e con possibilità di gestione manuale delle cambiate. Degni di noti anche i freni, potenti e resistenti, anche nelle frenate più decise.

La nuova Alfa Romeo Giulia Veloce è uno splendido esempio della capacità di affascinare ed esser concreti, del vero Made in Italy!

a cura di Marco Lasala
marco.lasala@reportmotori.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recent Posts

Esclusività e tecnologia per la Lexus LC Yellow Edition

Lexus LC Yellow Edition è la nuova offerta del brand giapponese per il suo alto di gamma. Fedele al suo...

Red Bull Ring: livello di difficoltà 5 per la Brembo

Un mese dopo aver ospitato la Formula 1, il Red Bull Ring di Spielberg (Austria) è teatro dell’11esimo appuntamento stagionale...

Prendono il via le iscrizioni a Euro Ape 2018

Al via le iscrizioni a Euro Ape 2018 , il più importante raduno di Ape che si terrà a Salsomaggiore...

Il Red Bull Ring ospiterà la prossima gara della MotoGP

Dopo la recentissima tappa di Brno, la MotoGP sosta al Red Bull Ring per una nuova sfida tra i piloti...

Un futuro incerto per Casey Stoner con il Ducati Team

Dopo la rottura tra Jorge Lorenzo ed il Ducati Team , arriva un altro duro colpo per il marchio di...

Dai Cantieri Pardo arriva il nuovo yatch Pardo 50

Dopo il grande successo del Pardo 43 , con oltre trenta esemplari venduti in meno di un anno, la Pardo...

Potenza, prestazioni e leggerezza per la Brabham BT62

Progettata e sviluppata per offrire le massime prestazioni in pista, la Brabham BT62 segue lo stesso approccio pragmatico che ha...

Porsche Festival 2018: 6 e 7 Ottobre Autodromo di Imola

Il 6 e 7 ottobre, l'Autodromo di Imola ospiterà il Porsche Festival 2018 e le due ultime gare della Carrera...