Al GP Australia le MotoGP frenano di più delle Superbike

bremboIl secondo appuntamento del trittico asiatico-oceanico è il GP Australia in programma dal 20 al 22 ottobre a Phillip Island (Australia) ed è valido come 16° appuntamento del Mondiale della MotoGP .

Inaugurato nel dicembre 1956, il tracciato ospita la 500-MotoGP dal 1989 e il Mondiale Superbike dal 1990.

Situato sull’omonima isola a 140 km da Melbourne, è il circuito più vicino al Polo Sud dell’intero campionato. Nelle ultime due edizioni i suoi 38 gradi di latitudine si sono tradotti in temperature piuttosto rigide: nel 2015 durante la gara la temperatura dell’aria è arrivata ad un massimo di 15 gradi e l’anno scorso non ha superato i 13 gradi.
Per mantenere adeguata la temperatura iniziale dei freni spesso le MotoGP utilizzano le cover in carbonio, le stesse usate anche in altri circuiti in caso di pioggia. In caso di precipitazioni i piloti potrebbero invece usare i dischi in acciaio ma a Misano, un mese fa Marc Marquez ha dimostrato che è possibile correre con la pioggia anche con i dischi Brembo in carbonio senza risentirne.

Secondo i tecnici Brembo che assistono il 100 per cento dei piloti della MotoGP 2017, il Phillip Island Grand Prix Circuit rientra nella categoria dei circuiti scarsamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 1, valore non registrato da nessuna delle altre 17 piste. Lo stesso punteggio ha ottenuto anche per la Superbike.

L’impegno dei freni durante il GP
Pur disponendo di 12 curve la pista australiana presenta solo 6 punti in cui vengono utilizzati i freni dalle MotoGP, uno in meno delle frenate delle Superbike. Su nessun’altra pista del Mondiale MotoGP si registrano così pochi frenate: al Sachsenring e a Spielberg sono infatti 7.
In media a Phillip Island i freni sono usati per 20 secondi al giro, equivalenti al 22 per cento della durata della gara. Oltre tutto la vicinanza con le gelide acque dell’Oceano Pacifico facilita la dispersione del calore accumulato. La decelerazione media è di 1,12 g ma per 3 delle 6 frenate non supera 1 g.
Sommando tutte le forze esercitate da un pilota sulla leva del freno dalla partenza alla bandiera a scacchi si sfiorano i 7,3 quintali, il valore più basso dell’intero campionato. Per le Superbike il valore è invece vicino ai 6 quintali ma le loro gare sono di soli 22 giri contro i 27 giri delle MotoGP.

Le frenate più impegnative
Delle 6 frenate del circuito nessuna è considerata altamente impegnativa per i freni, 2 sono di media difficoltà e 4 sono light.
Con i suoi 231 metri di spazio di frenata, la prima curva dopo il traguardo è la più dura per l’impianto frenante: le MotoGP passano da 341 km/h a 189 km/h in 3,3 secondi durante i quali i piloti sono sottoposti ad una decelerazione di 1,5 g. In questa curva la frenata delle Superbike richiede meno tempo (2,6 secondi) e spazio (173 metri) perché le moto sono più lente di una trentina di chilometri.
La curva 4 invece si mette in luce per i valori elevati del carico sulla leva del freno (5,1 kg) e la pressione del liquido freno Brembo HTC 64T che arriva a 8,8 bar. Parecchi considerando che le MotoGP iniziano a frenare ad una velocità abbastanza modesta, si fa per dire, di 221 km/h e continuano a farlo per 4,5 secondi. La Superbike presenta valori identici tranne per la pressione del liquido Brembo che arriva fino a 11 bar.
Nelle altre 4 frenate la diminuzione di velocità è sempre inferiore ai 100 km/h e di conseguenza i relativi spazi di frenata non superano mai i 150 metri. Per la curva 9 i freni sono in funzione per soli 2,6 secondi, sufficienti a scendere da 221 km/h a 146 km/h.

Prestazioni Brembo
Le moto con freni Brembo hanno vinto 25 delle ultime 28 edizioni del GP d’Australia della classe regina. Le ultime 5 edizioni sono state vinte da 5 piloti differenti: Casey Stoner, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Marc Marquez e Cal Crutchlow. Per allungare questa serie dovrebbero trionfare Andrea Dovizioso, Maverick Viñales o Dani Pedrosa: nessuno dei tre ha mai vinto qui in MotoGP ma solo nelle classi inferiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recent Posts

Bentley sfida la Hill Climb con la sua Bentayga W12

Bentley conferma la presenza alla Pikes Peak con la sua Bentayga W12. La Bentley dopo aver completato test di ogni...

Mercedes-Benz EQC: test finali nel deserto fino a 50 gradi

Pronta alla commercializzazione ed alla produzione in serie, in Mercedes-Benz stanno ultimando ennesimi test prima di presentare al grande pubblico...

Toccherà quota 250 cavalli, il 2 litri Turbo della futura e nuova Audi S1

Upgrade tecnico e non solo per la futura e rinnovata Audi S1 , la piccola tedesca per l'occasione tocca quota...

Look inedito per la rinnovata ed intraprendente Suzuki Jimny

Eccola finalmente, la nuova Suzuki Jimny è stata svelata in tutta la sua originalità! E' sempre stato il punto di...

Look sportivo e presa d’aria dinamica per la nuova Audi A1

Corrono in rete e la curiosità dei cyber navigatori è forte, così ecco svelata la livrea definitiva della nuova Audi...

Moto Guzzi V7 III Limited: solo 500 esemplari per una vera special

Al cospetto di migliaia di bikers, nella splendida cornice di Biarritz, Moto Guzzi svela la nuova Moto Guzzi V7 III...

The Race Contest: i Campioni Ducati si sfidano al WDW 2018

Un appuntamento eccitante, coinvolgente, “The Race of Championship” che arriva a pochi giorni della conferma al WDW2018 dei piloti del...

Nuovo record di velocità per il Jaguar Vector Racing V20E

Un record mondiale incredibile quello infranto dalla Jaguar Vector Racing, grazie ad uno scafo alimentato esclusivamente da motori elettrici. Il...