Alfa Romeo, test drive e vendite spingono in alto il Biscione

alfa romeo, alfa romeo stelvio,stelvio,alfa romeo giulia,giulia quadrifoglio, nurburgringSe l’attenzione degli appassionati è stata tutta dedicata al lancio dello Stelvio, il primo suv della storia del marchio del Biscione, a guardare i dati di immatricolazioni delle vetture si scopre che in casa Alfa Romeo il modello di successo è soprattutto la Giulia, che ha riportato in alto le vendite del gruppo.

Un mese da record. Per la precisione, è stato febbraio il mese cardine di questo processo: mentre infatti le tedesche hanno annaspato nel nostro Paese, con l’Audi che ha perso l’1,88% di vendite e Mercedes che si è mossa su valori stabili, il Biscione invece ha ingranato le marce alte, con un incremento di quasi 23 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Merito, appunto, della berlina Alfa Romeo Giulia, capace di issarsi al nono posto assoluto nell’affollatissimo segmento D, in cui l’Unione Rappresentanti Autoveicoli Esteri ricomprende anche crossover e station wagon.

Un record in Germania. Ma, come abbiamo avuto modo di raccontare dalle pagine del nostro sito soltanto qualche settimana fa, se la risposta del mercato è positiva e comunque in linea con le alte attese, è in pista che la bella berlina riesce addirittura a superare le previsioni. L’ultimo esempio arriva dai test al Nurburgring che hanno visto protagonista la nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, che nelle curve del difficile tracciato tedesco ha battuto addirittura una Lamborghini!

Al Ring brilla la Giulia. Stando alle rilevazioni della casa madre, la berlinetta sportiva dell’Alfa ha completato il giro sul circuito tedesco in 7 minuti e 32 secondi, battendo di otto secondi il record precedente segnato dalla Lamborghini Murcielago LP640 (giro veloce effettuato in 7 minuti e 40 secondi) e staccando di netto le prestazioni delle dirette concorrenti, come la BMW M4 e l’Audi RS4, che invece hanno fermato i cronometri rispettivamente a 7:52 e 7:58, oltre 13 secondi in più.

alfa romeo, alfa romeo stelvio,stelvio,alfa romeo giulia,giulia quadrifoglio, nurburgringIn pista sulla Giulia. Ulteriore motivo di interesse per le performance di questo gioiello arrivano da Rse Italia, una delle società italiane leader nel noleggio di supercar: il garage dell’azienda, infatti, negli ultimi mesi si è arricchito di un ulteriore ingresso che ha reso possibile agli appassionati di motori la possibilità di guidare un’Alfa Giulia nelle piste in convenzione in Italia e in Europa, testando in prima persona le caratteristiche di eccellenza del modello Quadrifoglio.

Numeri e prestazioni d’eccellenza. La nuova auto da sogno del Biscione, infatti, vanta un motore da 2,9 litri V6 Biturbo che riesce a erogare una potenza massima di ben 510 cavalli; eccezionali anche gli altri dati, come quello sul rapporto tra massa e cavalli, mentre il carico di 1539 kg equivale a 2,9 chili di rapporto tra peso e potenza. Non meno performanti i tradizionali parametri di velocità: nella classica partenza da fermo in accelerazione da 0-100 km/h, la nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio impiega solo 3,9 secondi, mentre il suo tachimetro si ferma a 307 km/h.

La velocità di scena a Milano. E proprio per sottolineare il carattere di velocità dell’Alfa, la Nike ha pensato di “sfruttare” quest’auto per lanciare l’evento organizzato a Milano, “Breaking2 Together”, in cui è stato tentato l’abbattimento del muro di due ore sulla maratona, fallito per poco. Come testimonial dell’iniziativa, infatti, sono stati scelti l’attore Kevin Hart, il “figlio del ventoCarl Lewis (mitico interprete delle gare di velocità tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta, vincitore di ben 10 medaglie alle Olimpiadi) e, per l’appunto, una Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio.

La Giulia brilla in piazza Duomo. E sulla carrozzeria della splendida berlina veloce campeggiava la scritta 7’32”, ovvero il tempo del giro al circuito del Nurburgring, a ricordare e celebrare, appunto, l’impresa compiuta dal pilota Fabio Francia e dallo staff impegnato nella preparazione dell’auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *