Al Nurburgring una Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio impressionante !

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio,alfa romeo,giulia,alfa romeo giulia,giulia quadrifoglioNon c’è storia, non c’è berlinetta e vettura sportiva che resista alla rabbia della nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio , berlina che stando alle ultime dichiarazioni della casa madre, ha terminato il suo giro veloce al Nurburgring in soli 7 minuti e 39 secondi !

Un dato impressionante questo realizzato dalla nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio , basti pensare che la Lamborghini Murcielago LP640 ha concluso il suo giro veloce in 7 minuti e 40 secondi, mentre le dirette rivali della Giulia QV, la BMW M4 e l’Audi RS4, hanno realizzato un tempo di 7:52 e 7:58, oltre 13 secondi in più !

Non c’è alcun velo di mistero sulle notevoli prestazioni della nuova Alfa Romeo, il suo 2,9 litri V6 Biturbo eroga una potenza massima di ben 510 cavalli, a fronte di un peso di 1539 kg, un rapporto peso potenza di 2,9 kg, un rapporto massa / cavalli a dir poco straordinario .

Nella classica prova 0-100 km/h con partenza da fermo, la nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio impiega solo 3,9 secondi, fermando la sua corsa a circa 307 km/h !!!

Potenza, leggerezza ma anche aerodinamica attiva, lo splitter anteriore, in carbonio, in base alla velocità si regola nella sua altezza da terra, mentre una serie di prese d’aria convogliano l’aria in maniera tale da assicurare una deportanza non da poco.

Il coefficiente di penetrazione aerodinamica della nuova Giulia Quadrifoglio è di 0,25, un valore record per una berlina dalle prestazioni mostruose, segno che i tecnici Alfa Romeo non hanno lasciano al caso alcun parametro funzionale della vettura .

Il manettino permette di impostare il carattere della vettura a seconda dell’utilizzo preferito, così come il motore, grazie alla sua notevole coppia motrice, assicura una notevole fluidità di marcia anche durante l’impiego nel traffico cittadino .

Prezzi a partire dai 79.000 €.

  1. Il Made in Italy potrebbe essere il primo al mondo se i nostri politici la smettessero di tartassare le mostre imprese e favorendo la delocalizzazione all’estero

  2. Bravo, bravo. è da 25 anni che ripeto che la Ferrari doveva fare da locomotiva a tutti i marchi italiani compreso ducati e altri marchi svenduti! !!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *